Come funziona carburatore 2 tempi

Hai una moto a 2 tempi? Scopri in questo articolo come funziona il carburatore a 2 tempi.

Le moto a due tempi sono mezzi che dispongono di un motore a due tempi, cioè di un motore con combustione interna che viene alimentato da un impianto di alimentazione e di una luce di scarico dove vanno a finire i prodotti esaurite tramite un impianto apposito che come possiamo immaginare si chiama impianto di scarico.

Questo tipo di motore fu inventato nel 1879 e sebbene da all’ora ad oggi ha visto moltissimi cambiamenti continua ad essere uno dei due motori montati sulle moto odierne. Questa tipologia di motore viene utilizzata su moto leggere che richiedono un cambio di marce frequente ma che rispetto alle altre costano meno.

All’interno del motore a 2 tempi ovviamente incontriamo la parte meccanica principale in ogni motore ossia il carburatore. In questo articolo ti porteremo a scoprire come funziona.

Come funziona il carburatore a 2 tempi?

Il carburatore a 2 tempi funziona grazie all’effetto Venturi. L’effetto Venturi molto noto a chi è pratico di motori serve a creare una depressione che permette di prendere la benzina accumulata nell’apposita vaschetta sita sotto al carburatore.

L’aria che entra dal cono del condotto Venturi va a creare una depressione sul getto del massimo, questo procedimento permette all’aria di passare e alla benzina di salire che entrando in contatto con l’aria si nebulizza.

A questo punto la ghigliottina man mano si alza consentendo un maggior passaggio di aria, al tempo stesso agisce sullo spillo che va ad aumentare il passaggio di benzina che viene aspirata dalla vaschetta.

Questo procedimento permette di avviare il motore della moto.

Avviato il motore la saracinesca della valvola si chiuderà impedendo sia il passaggio dell’aria che il passaggio di benzina, a questo punto teoricamente il motore dovrebbe spegnersi e invece a motore avviato viene mantenuto aperto un piccolo getto di aria che passa direttamente all’interno della vaschetta della benzina creando nuovamente un effetto Venturi che consente di generare la carburazione corretta che arriva direttamente al motore e consente la marcia in strada.

A motore spento non si ha invece alcun tipo di passaggio d’aria quindi non viene creata in alcun modo la carburazione necessaria per l’avvio del motore.

Al giorno d’oggi...

Al giorno d’oggi le moto a 2 tempi sono le uniche a montare ancora il carburatore, anche se ultimamente la tecnologia è arrivata anche qui e si sta puntando molto sulla carburazione a iniezione.

Nelle moto usate, nelle moto d’epoca e nelle moto ancora oggi in circolazione ti sarà più facile imbatterti in un motore a 2 tempi con il classico carburatore che con le ultime tecnologie.

Come avviene la regolazione della carburazione?

Per un corretto avvio della nostra moto e per delle performance di livello è importante che il processo di carburazione avvenga per il meglio. Per farlo è necessario imparare a regolare nel modo giusto la carburazione.

Solitamente è molto difficile imbattersi in qualche problematica sui motori a 2 tempi perché generalmente la guida risulta essere perfetta con le opzioni standard in ogni condizione di guida.

Si può comunque modellare la regolazione della carburazione se vogliamo aumentare la potenza del motore. Prima di farlo è necessario eseguire dei controlli, quindi assicurati di:

  • Il filtro dell’aria sia in ottime condizioni.
  • Non vi siano perdite di aria.
  • Controlla la fase di accensione.
  • Controlla il livello del galleggiante sito all’interno della vaschetta benzina
  • Controlla se c’è un eventuale intasamento dei getti carburatore.
  • Esegui un controllo per verificare l’eventuale contaminazione candela o gamma temperatura scorretta.
  • Verifica freschezza del carburante e rapporto benzina/olio.

Una volta eseguito questo controllo e constatato che tutto è perfettamente idoneo e funzionante allora puoi procedere con la regolazione in questo modo:

  • Riscalda il motore.
  • Esegui due o tre giri di un percorso con un getto standard o corretto.
  • Rimuovendo la candela verifica la carburazione ed osserva l’estremità di produzione della scintilla.
  • Cambia le impostazioni del carburatore.
  • Porta il rubinetto del carburatore su OFF e scollega la linea carburante dalla valvola.
  • Allenta le fascette di collegamento dei tubi di collegamento e aspirazione, ruota il carburatore e rimuovi il tappo della vaschetta del galleggiante.
  • Rimuovi la vite della vaschetta e poi procedi alla rimozione della stessa, se necessario cambia i getti.
  • Reinstalla la vaschetta ed il tappo.
  • Rimuovi la parte superiore del carburatore e cambia posizione all’anellino elastico dello spillo del getto. Reinstalla lo spillo del getto e tutti i componenti del carburatore finora rimossi.
  • Riposiziona correttamente il carburatore e stringi le viti di fissaggio.
  • Regola l’apertura dell’aria e ricollega la linea del carburate al carburatore.

Hai terminato la tua regolazione, qualora non fosse sufficiente esegui di nuovo il procedimento da capo cambiando le impostazioni. Ti consigliamo di eseguire questa operazione solo se sei pratico di motori altrimenti rivolgiti ad un team di esperti.

Ad ogni modo, noi di Lanzoni trattiamo sia carburatori per moto, motorini e scooter Dellorto, sia i ricambi dei carburatori Dellorto. Nello specifico come carburatore a 2 tempi abbiamo il Carburatore Dellorto PHBG 19 DS per scooter e motocicli a due tempi regolazioni lato sinistro.

Carburatori più venduti

Weber 40 DCOE 151Weber 40 DCOE 151
Weber Weber 40 DCOE 151
Prezzo scontato€597,80
Recensioni
Disponibile, 9 unità
KIT ALIMENTAZIONE SUZUKI SAMURAI 1.3
Weber KIT ALIMENTAZIONE SUZUKI SAMURAI 1.3
Prezzo scontato€660,00
Recensioni
Disponibile, 9 unità